il festival

Poetica, Festival della Poesia della Città di Alba alla sua seconda edizione, è promosso dall’Ente Fiera Internazionale del Tartufo Bianco d’Alba, dalla Città di Alba e dal suo Assessorato alla Cultura.

Il Festival anima la Città regalando lectio magistralis di insigni artisti e studiosi ad un evento che è custode della nostra tradizione e della storia del nostro territorio: la Fiera Internazionale del Tartufo Bianco d'Alba.

Alcuni ospiti di Poetica 2015 sono stati Paolo Conte, Alberto Alessi, Gianni Vattimo, Giordano Bruno Guerri, Massimo Recalcati, Morgan, Mariangela Gualtieri, Elisabetta Sgarbi, Davide Rondoni, Guido Harari, Valerio Berruti, Gianmaria Testa, Mauro Pagani, Luca Scarlini, Fulvio Abbate, Gabriele Pedullà, Cristiano Godano, Relja Lukic, Erika Urban, Dominique Degli Esposti.

l’edizione 2016

La nuova edizione di Poetica 2016 è stata pensata ancora più intimamente legata al mondo del tartufo e ad esso ispirata. Quest’anno il Festival comprende il prestigioso concorso Truffle-Kit, nato dalla collaborazione tra l’Ente Fiera Internazionale del Tartufo Bianco d'Alba e l’azienda Alessi, ospite lo scorso anno di Poetica.

I più importanti designer ed architetti internazionali sono invitati a produrre un oggetto, o meglio una drammaturgia di tre oggetti legati alla messa in scena, al taglio e alla conservazione del tartufo. Un evento culturale che è diventato progetto, comunicazione, design e ospiterà un convegno internazionale all'interno della programmazione dal 17 al 20 novembre 2016.

Novità di quest’anno è la collaborazione tra Poetica e la Wall Of Sound Gallery, che offrirà al Festival un respiro internazionale, e allo stesso tempo un forte radicamento a tutte le realtà della città nello spirito che Poetica ha ben definito lo scorso anno. Tutti gli appuntamenti manterranno un carattere dinamico e performativo. Le lectio magistralis si emanciperanno dall’incontro cattedratico e dalla lezione frontale classica, per trasformarsi in un’occasione in cui un grande scrittore, poeta, giornalista, musicista si relazionerà al tema di Poetica.

In occasione della mostra di Francesco Clemente “After Omeros” ad opera della famiglia Ceretto nella meravigliosa ambientazione barocca del Coro della Maddalena, Poetica approfondirà il legame tra l’arte di Clemente e il poema di Walcott a cui egli si ispira. Venerdì 21 ottobre e venerdì 4 novembre alle ore 18.30 sarà possibile associare la visita ad un’esperienza performativa. Il Coro della Maddalena diventerà così atto poetico: i quarantuno acquerelli e le opere scultoree saranno lo scenario privilegiato per assistere ad una performance in cui la traduzione dell’opera originale “Omeros” di Walcott a cura di Roberta Castoldi, supportata dal testo critico di Alessandra Morra, si legherà alla musica e al teatro.

E ancora, i grandi traduttori che furono Cesare Pavese e Beppe Fenoglio, giocheranno un ruolo fondamentale nel fornire spunti per il coinvolgimento di tutte le maestranze culturali, complice il cinquantenario della traduzione di Spoon River ad opera di Fernanda Pivano e il centenario della morte di Gozzano, maestro del crepuscolo. Attraverso il tema della traduzione si esprime bene il concetto di un interno, cioè di uno spaccato linguistico, che viene scoperto e portato fuori, attraverso un’altra lingua, quella in cui viene appunto tradotta; inoltre traduzione significa anche taglio nel senso di separazione da una lingua per raggiungerne un’altra, forse tradendola.

Inoltre il coinvolgimento delle realtà universitarie della nostra regione ambisce a definire un evento culturale come presupposto di un progetto che muove il territorio, come è accaduto con l’azienda Alessi. I progetti legati alle Università indagheranno la definizione di paesaggio culturale, come è accaduto per la recente candidatura della cultura del tartufo a patrimonio immateriale dell'umanità UNESCO.

Allestimenti, mostre, ospiti internazionali animeranno Alba nell’autunno della Fiera curati da Poetica e condivisi con tutte le maestranze nella dimensione di un progetto culturale comune di intenti. Infine i poeti di passaggio, molto apprezzati durante la scorsa edizione, saranno nuovamente coinvolti in tutti gli eventi programmati ed estemporanei.